Archivio domande e risposte

cnl_16
  • RSS
  • {DESCRIZIONE}
  • {DESCRIZIONE}
  • {DESCRIZIONE}
  • {DESCRIZIONE}
  • {DESCRIZIONE}
  • Seguici su:
23/10/2010
Dai un voto alla risposta cliccando sulle stelline: 5/10 (1150 voti)

Oggetto: steatosi
Eventuali sintomi: dolore all'addome a destra, lievi fastidi post prandiali, irradiazione del dolore o fastidio alla spalla destra
Domanda:
dopo alcuni disturbi di dolore e senso di pesantezza all'addome, ho fatto una ecografia che ha riscontrato "epatomegalia ad ecostruttura finemente steatosica, senza evidenti lesioni focali. colecisti distesa alitiasica, con piccolo accumulo di colesterina alle pareti. pancreas e retroperitoneo non valutabili per sovrapposto meteorismo. utile rivalutazione clinica ed approfondimento diagnostico mirato ad un quesito clinico". precedenti valori ematici (di un mese prima, circa) indicavano: bilirubina indiretta 1.20 gamma gt 78 ast 21 alt 24 colesterolo ldl 90 colesterolo hdl 47 triglireridi 204 tutti gli altri valori ematici, emocromo compreso, sono nella norma, a parte il valore del tsh un pò alti (9.720) per il quale sto assumendo, eutorix 75 mg 1cp /die prescritto dall'endocrinologo. premetto che non bevo alcolici di nessun tipo e che purtroppo sono fumatore (mediamente 8-10 sigarette al giorno), riconosco di avere abusato forse un pò coi cibi grassi negli ultimi anni. occasionalmente ho fatto anche dei controlli glicemici, pare sia tutto nella norma. può per cortesia dirmi come trattare questo quadro steatosico? mi devo preoccupare? i dolori e i disturbi, specialmente la mattina al risveglio sono fastidiosissimi. grazie mille
Risposta:
sicuramente nel suo caso la terapia sostitutiva per l' ipotiroidismo rappresenta un iniziale e importante punto di partenza. di certo è fondamentale un regime dietetico ipocalorico ipolipidico associato a moderata ma costante attività fisica aerobica. controlli il peso corporeo, la pressione arteriosae l'assetto lipidico e glucidico. alla valutazione ecografica il quadro pare di lieve entità e quindi potenzialmente reversibile. cordiali saluti
Dott.ssa V. Vero

Medico Specialista in Medicina Interna Ospedali Riuniti Bergamo